Il vocabolario nutrizionale ALDI SUISSE

GDA, valore calorico, CIAA, proteina… cosa significano esattamente?

Per comprendere appieno tutti i concetti e le espressioni citati, abbiamo raggruppato e illustrato tutte le voci principali all’interno del nostro vocabolario.

A | B | C | D | E| F| G| H| I| J| K| L| M| N| O| P| Q| R| S| T| U| V| W| X| Y| Z

A

Acidi grassi saturi

I grassi animali, come ad esempio quelli contenuti nel burro e negli insaccati, sono prevalentemente composti da acidi grassi saturi.

I grassi vegetali (oli vegetali e margarina) invece contengono soprattutto acidi grassi insaturi essenziali che l'organismo non è in grado di produrre. Per un'alimentazione sana ed equilibrata, la dieta giornaliera dovrebbe comprendere acidi grassi sia saturi sia insaturi.

B

C

Carboidrati

I carboidrati fanno parte dei nutrienti di base e rappresentano un'ampia porzione di tutta l'alimentazione. Sono un'importante fonte di energia per l'organismo e si differenziano in mono-, di- e polisaccaridi (tutti i tipi di zucchero, amido e fibre alimentari sono carboidrati).

Un sufficiente apporto di carboidrati fornisce al nostro corpo la necessaria energia per svolgere in maniera efficiente tutte le sue funzioni e garantire il buon funzionamento delle cellule. I carboidrati sono presenti in particolare nella frutta, nelle patate e nei prodotti derivati dai cereali come pane e pasta.

Chilocalorie/Chilojoule

KJ o kcal sono le unità di misura usate per esprimere il contenuto energetico degli alimenti. Vedi anche "valore energetico". I tre componenti principali dell'alimentazione umana (carboidrati, proteine, grassi) forniscono quantità differenti di calorie. Ad esempio, a 1 g di grassi corrispondono 9 kcal, mentre a 1 g di carboidrati o proteine corrispondono solo 4 kcal.

CIAA
CIAA sta per "Confederation of the Food and Drink Industries of the European Union", cioè Confederazione delle Indust-rie Alimentari dell'Unione Europea. La CIAA si occupa di alimentazione, consumo e ambiente e promuove a livello europeo tematiche inerenti alla politica commerciale e concorrenziale.

D

E

Energia e fabbisogno energetico

Durante la scomposizione degli elementi nutritivi, nel corpo si libera energia che rende possibili tutte le funzioni vitali dell'organismo. Esercizio muscolare, movimento, metabolismo e crescita non sarebbero fattibili senza un sufficiente apporto di energia. L'energia è pertanto una misura della capacità di "lavorare" del corpo.

Il fabbisogno energetico di un individuo dipende dal metabolismo basale (= quantità di energia necessaria per garantire al corpo un apporto energetico in condizioni di assoluto riposo (sonno) per un periodo di 24 ore), dal metabolismo dinamico (= esercizio muscolare), dalla produzione di calore in seguito al consumo di alimenti così come dalle richieste legate alla crescita, alla gravidanza e all'allattamento.

Frai generi alimentari più ricchi di proteine vi sono latte e latticini, uova, carne, noci a guscio e legumi.

F

Fibre alimentari
"Fibre alimentari" è un termine generico con cui si indicano parti di alimenti vegetali che gli enzimi del tratto gastro-intestinale non sono in grado di digerire.

Si tratta di carboidrati pressoché resistenti alla digestione, che di per sé non hanno alcun valore nutrizionale o energetico, ma che in realtà svolgono tutta una serie di importanti funzioni all'interno dell'apparato digerente. Aumentano la masticazione producendo un più elevato senso di sazietà, favoriscono le funzioni intestinali, regolano la digestione e prevengono l'insorgenza di numerose malattie associate all'alimentazione.

Le fibre alimentari sono contenute principalmente nei cereali integrali, nella frutta, nei legumi, nelle patate e nelle verdure e rappresentano pertanto un importante componente per un'alimentazione sana ed equilibrata.

G

GDA
L'acronimo GDA sta per "Guideline Daily Amount" (quantità giornaliera indicativa) e rappresenta il valore di riferimento per l'apporto di energia e di sostanze nutritive che ogni giorno un adulto sano dovrebbe in media rispettare. Tali valori orientativi sono fondati su una base scientifica e vengono utilizzati da molti produttori alimentari per offrire al consumatore un parametro omogeneo al fine di individuare i valori nutritivi assunti quotidianamente.

Grassi

I grassi sono una fonte primaria di energia e svolgono pertanto una funzione essenziale nell'alimentazione. I loro componenti fondamentali sono gli acidi grassi, che possono comparire nella forma satura, monoinsatura o polinsatura.

Allo stesso tempo, i grassi sono però anche portatori di vitamine liposolubili impiegate dall'organismo per vari processi metabolici vitali e strutture corporee. I grassi sono altresì portatori di sostanze aromatizzanti, da cui dipende il valore gustativo di un cibo.

H

I

J

K

L

M

Minerali

Minerali si distinguono in macroelementi e microelementi. I macroelementi comprendono il calcio, il sodio, il potassio e il magnesio. Dei microelementi fanno parte invece il ferro, lo iodio, lo zinco e il selenio.

I minerali svolgono nell'organismo numerose funzioni, è quindi essenziale garantirne un adeguato apporto. Le sostanze minerali sono presenti nei cibi in quantità differenti. Esse partecipano alla formazione di ossa e denti, sono coinvolte nell'attivazione di vari enzimi e contribuiscono a determinare i diversi sapori.

N

O

P

Proteine

Le proteine e i loro componenti (aminoacidi e peptidi) sono costituenti fondamentali degli alimenti. Esse forniscono i cosiddetti aminoacidi essenziali, indispensabili per la sintesi di proteine umane, che il nostro corpo non è in grado di produrre. Le proteine servono inoltre alla sintesi di varie sostanze corporee, come ad es. gli ormoni.

Attraverso i vari tipi di cottura dei cibi, esse possono conferire odore e sapore agli alimenti, fungendo da precursori di sostanze aromatizzanti e coloranti.

Fra gli alimenti ricchi di proteine figurano il latte e i prodotti derivati, le uova, la carne, le noci e i legumi.

Q

R

S

T

U

V

Valore energetico

Il valore energetico di un alimento è determinato in maniera rilevante dalla sua composizione nutrizionale. Il valore energetico è la quantità di energia fornita da un alimento e viene espresso in chilojoule (KJ) e chilocalorie (kcal). Il valore energetico indica la quantità di energia che il corpo può ricavare dalla scomposizione degli elementi nutritivi di un alimento.

Valore nutritivo

Per mantenere più efficaci le funzioni biologiche occorre garantire un apporto di sostanze nutritive basato sulle necessità dell'organismo e bilanciato in termini sia di quantità sia di composizione.

Le sostanze nutritive vengono suddivise in carboidrati, grassi, proteine, vitamine, minerali (macro- e microelementi) e fibre.

Poiché i cibi sono in generale complessi miscugli di sostanze, è la loro composizione, vale a dire le percentuali delle varie sostanze nutritive contenute, ad indicare il valore energetico di ogni alimento.

Tutti i componenti degli alimenti sono utili per l'alimentazione: essi forniscono la necessaria energia e servono allo stesso tempo a veicolare altre proprietà come per esempio l'aspetto, l'odore, il sapore e la consistenza dei cibi. Queste caratteristiche incidono altresì sul valore gustativo degli alimenti stessi.

Vitamine

Le vitamine fanno parte dei componenti alimentari che, poiché responsabili del mantenimento di numerose funzioni biologiche, è essenziale assumere in quantità sufficiente. Esse, ad esempio, non solo rafforzano il sistema immunitario e le difese dell'organismo, ma partecipano anche in maniera determinante allo svolgimento di diversi processi metabolici.

Le vitamine sono classificabili in liposolubili (A, D, E e K) e idrosolubili (B1, B2, B6, niacina, acido pantotenico, biotina, acido folico, B12 e C) e sono contenute negli alimenti in quantità differenti.

Una dieta bilanciata deve immancabilmente includere cibi ricchi di vitamine.

W

X

Y

Z

Zucchero

Lo zucchero appartiene al gruppo dei carboidrati. Il termine "zucchero" indica in generale mono- e disaccaridi (ad esempio glucosio e fruttosio), rapidamente assimilabili dall'organismo. In confronto ai polisaccaridi (amidi), essi entrano più velocemente nel sangue, fornendo così energia immediata.

Lo zucchero introdotto nell'organismo in eccesso rispetto al fabbisogno quotidiano, viene immagazzinato sotto forma di grasso.

Tutta l'energia di cui avete bisogno!


Nella nostra tabella trovate il fabbisogno giornaliero medio di calorie e sostanze nutritive, specificato sull'esempio dei valori di riferimento, stabiliti per donne e bambini nella fascia di età compresa fra i 5 e i 10 anni.

Valori indicativi consigliati per l'apporto giornaliero di sostanze nutritive

Fonte: EURODIET (2001) Nutrition & Diet for Healthy Lifestyles in Europe. Core Report, IGD GDA Technical Working Group