Schwarzenbach, 25.01.2017

Tutte le sedi ALDI SUISSE sono CO2 neutrali

Da gennaio 2017 tutte le sedi di ALDI SUISSE sono CO2 neutrali. Oltre alla riduzione delle emissioni aziendali grazie agli investimenti in costruzioni migliori dal punto di vista della tecnologia energetica e il passaggio a energia naturale svizzera, l’azienda compensa le rimanenti emissioni di CO2 investendo in progetti di protezione del clima della fondazione ambientale svizzera myclimate.

«ALDI SUISSE rappresenta semplicità e coerenza. Per ciò che concerne la sostenibilità, questo si traduce nel contribuire attivamente alle sfide globali», spiega Steven Loepfe, portavoce di ALDI SUISSE. La costante riduzione e la compensazione delle emissioni direttamente causate è la conseguenza logica delle ambizioni e degli sforzi portati avanti da ALDI SUISSE negli ultimi anni. Dal 2012 il discount svizzero analizza regolarmente la sua impronta di carbonio secondo gli standard internazionali riconosciuti.

Emissioni di CO2 fortemente ridotte
Dal 2014 ALDI SUISSE usa solo energia idroelettrica per ridurre efficacemente le emissioni di CO2. Grazie a questa svolta, all’utilizzo di fluidi refrigeranti non dannosi per l’ambiente e ad altre procedure volte a garantire miglioramenti, siamo riusciti a ridurre il totale delle emissioni di oltre 40% rispetto al 2012.

Allo stesso tempo ci siamo impegnati al massimo per poter sviluppare un nuovo concetto per nuove costruzioni rispettose dell’ambiente. «In tutte le nuove sedi, come per esempio Wetzikon, ALDI SUISSE punta sul fotovoltaico, sull’illuminazione a LED, su impianti caldo/freddo e su fluidi di raffreddamento naturali», continua Loepfe. Già oggi è prassi consolidata che tutte le filiali di ALDI SUISSE dispongano di un moderno sistema di controllo energetico.

Dalla visione alla messa in pratica: collaborazione con myclimate per la tutela dell’ambiente
Zero emissioni: ecco l’ambizioso obiettivo che purtroppo fino ad oggi non è ancora stato possibile raggiungere, come spiegato da René Estermann, Direttore della fondazione per la protezione ambientale myclimate a Zurigo. «Tuttavia, la neutralità carbonica è possibile. Le emissioni restanti vengono compensate sostenendo esclusivamente progetti importanti di protezione dell’ambiente, i quali sono a loro volta soggetti a severi standard internazionali. Contemporaneamente si analizzano le emissioni della nostra azienda, si cerca di ridurle ed evitarle il più possibile; solo così possiamo creare le condizioni migliori per una tutela ambientale efficace», dichiara Estermann. Inoltre, i progetti di protezione dell’ambiente di myclimate contribuiscono in maniera notevole al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.

René Estermann continua dichiarando: «Le emissioni di CO2 non conoscono confini territoriali. Proprio per questo motivo myclimate si impegna in progetti per una maggiore efficienza energetica, maggiore risparmio idrico ed energetico e per il rimboschimento. Questi progetti proteggono il clima e allo stesso tempo contribuiscono allo sviluppo delle popolazioni locali.» ALDI SUISSE compensa esclusivamente sostenendo i progetti di myclimate che rispettano il Gold Standard. Il discount svizzero è particolarmente orgoglioso di poter sostenere un progetto in Nepal grazie al quale i rifiuti organici vengono trasformati in concimi biologici. «È importante che ai nostri clienti in Svizzera sia chiaro il senso della compensazione nei confronti delle persone coinvolte in loco. Già molte filiali ALDI SUISSE portano i rifiuti organici che non possono essere smaltiti negli impianti di produzione di biogas. Per tutti risulta quindi chiaro quanto ciò possa essere rilevante», sostiene Steven Leopfe. Oltre al progetto in Nepal, ALDI SUISSE sostiene anche la produzione e l’installazione di sistemi di cottura efficienti in Cina e in Madagascar. Grazie a questi nuovi sistemi è possibile diminuire le emissioni nocive dovute alla cottura tradizionale con legno e carbone e, di conseguenza, migliorare anche la salute degli autoctoni. Questi ultimi, risparmiando tempo e denaro, potranno giovare anche all’ambiente.