Schwarzenbach, 19.05.2021

ALDI SUISSE lancia un segnale a favore dell’economia svizzera

ALDI SUISSE ha ridotto permanentemente il prezzo di oltre 200 articoli nel corso di quest’anno. Nel 2020 sono stati abbassati i prezzi di oltre 500 prodotti. Grazie al suo impegno e ai suoi prezzi imbattibili, il dettagliante svizzero lancia un chiaro segnale a favore dell’economia svizzera: fare la spesa oltre confine non conviene più.

Il contenuto in breve:

  • ALDI SUISSE ha già ridotto permanentemente il prezzo di oltre 200 articoli nel corso di quest’anno 
  • Dall’inizio della pandemia di Coronavirus ALDI SUISSE ha ridotto per sempre il prezzo di oltre 750 articoli 
  • L’azienda vuole combattere il turismo degli acquisti e rafforzare quindi la macchina economica svizzera

Un chiaro segnale per il miglior rapporto qualità-prezzo
Un anno dopo la prima riduzione di prezzo ALDI SUISSE tira le somme: solo nel 2021, fino ad oggi, il dettagliante svizzero ha ridotto permanentemente il prezzo di oltre 200 articoli dell’assortimento. Lo scorso anno si è trattato di oltre 500 articoli. Stiamo parlando di circa un terzo dell’intero assortimento standard. Dall’inizio della pandemia di Coronavirus ALDI SUISSE ha ridotto per sempre il prezzo di oltre 750 articoli. Rapportando questa cifra alle dimensioni dell’assortimento si tratta di una proporzione unica sul mercato svizzero. Tuttavia le riduzioni di prezzo di ALDI SUISSE non sono finite.

I prezzi ridotti non si limitano a singole categorie di prodotti, bensì coinvolgono l’intero assortimento: dalla frutta e verdura ai generi alimentari di base, dai prodotti per la cura del corpo alla carne fresca. Ci sono buone notizie anche per gli amanti del BIO: molti degli oltre 300 articoli BIO hanno subito o subiranno una riduzione di prezzo. Con questi ribassi ALDI SUISSE vuole mandare un segnale inequivocabile: «Desideriamo offrire ai nostri clienti il miglior rapporto qualità prezzo sul mercato, e vogliamo farlo sia con i prodotti convenzionali che con quelli biologici. Anche durante la crisi del Coronavirus, che ha colpito tantissime persone, per noi è fondamentale che tutti possano permettersi alimenti di qualità», afferma Jérôme Meyer, Country Managing Director di ALDI SUISSE.

Più forza all’economia svizzera
I Paesi a noi confinanti hanno da poco decretato le prime riaperture per l’ingresso e cancellato l’obbligo di quarantena ed ecco che subito riparte il turismo degli acquisti. Grazie al suo impegno il dettagliante svizzero fa sì che la popolazione svizzera possa permettersi anche in tempi di crisi prodotti di qualità a prezzi convenienti e, allo stesso tempo, promuove l’economia svizzera. «In qualità di dettagliante svizzero teniamo particolarmente al benessere dei nostri clienti e a quello dell’economia del nostro Paese», sottolinea Jérôme Meyer. Proprio per questo l’azienda amplia il proprio assortimento aggiungendovi prodotti regionali di provenienza svizzera.

«Da noi i clienti trovano la miglior qualità a prezzi imbattibili. Il turismo degli acquisti non conviene più, anzi. Oltre a sostenere l’economia svizzera, fare la spesa nel nostro Paese porta con sé ulteriori vantaggi: non serve più fare code chilometriche al confine e possiamo quindi passare più tempo con gli amici e con la famiglia, in altre parole: «Di più per la vita», spiega Meyer. Proprio in relazione a questo tema ALDI SUISSE ha lanciato una nuova campagna pubblicitaria dal titolo «Grazie che continui a fare la spesa in Svizzera».

Ufficio stampa:
Angelo Geninazzi
c/o furrerhugi
Telefono: +41 91 911 84 89| media(at)aldi-suisse.ch | ALDI SUISSE AG - Mediencenter